>

Archivio saggi e commenti

La nuova protezione speciale introdotta dal d.l. 130/2020. Tra principio di flessibilità, resistenze amministrative e problematiche applicative

di Nazzarena Zorzella

 

Abstract: Il presente saggio analizza in primis le innovazioni apportate dal d.l. n. 130/2020, convertito con modifiche nella l. n. 173/2020, all’art. 19 TU immigrazione; in particolare focalizza la natura della protezione speciale ed illustra il doppio percorso delineato dal legislatore per il rilascio del permesso per protezione speciale (all’interno del sistema asilo o con domanda diretta al questore), mettendo anche in rilievo le resistenze dell’apparato amministrativo che rischiano di vanificare la riforma. Nel contempo ci si propone di verificare se, con la riforma del 2020, possa dirsi attuato l’art. 10, co. 3 della Costituzione. È quindi analizzata la portata normativa del ripristinato art. 5, co. 6 TU immigrazione e il contesto entro il quale può tornare ad espandersi. Infine, un focus riguarda il diritto al rispetto della vita privata e familiare, uno dei presupposti cioè per il riconoscimento della protezione speciale, che, valorizzando l’integrazione sociale intesa in senso ampio, secondo i criteri forniti direttamente dal legislatore, amplia nell’ordinamento italiano la portata dell’art. 8 della Convenzione europea dei diritti umani.

Abstract: This essay first analyses the changes to art. 19 of the Consolidation Act on Immigration no. 286/1998 introduced by the Decree-Law n. 130/2020, converted with amendments into the Law n. 173/2020. In particular, it focuses on the nature of special protection, illustrating the dual path outlined by the legislator for issuing the permit for special protection (either within the asylum system or with a direct application to the police commissioner); and highlighting the resistance of the public administration apparatus which risks undermining the reform. At the same time, it examines the question as whether art. 10, para. 3 of the Constitution could actually be considered implemented by the 2020 reform. The analysis is then carried out with regard to the regulatory framework of the reinstated art. 5, para. 6 of the Consolidation Act and its renewed scope of application. Finally, a focus is put on the right to respect for private and family life, that is, one of the prerequisites for the recognition of special protection. By fostering a broad concept of social integration based on the criteria directly provided by the legislator, it extends the scope of art. 8 of the European Convention on Human Rights into the Italian legal system.

Cerca nel sito

Rubrica di Questione Giustizia & Diritto, Immigrazione e Cittadinanza

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
Please wait

Sito realizzato con il contributo della Fondazione "Carlo Maria Verardi"

© 2017-2021 Diritto, Immigrazione e Cittadinanza. Tutti i diritti riservati. ISSN 1972-4799
via delle Pandette 35, 50127 Firenze