>

Archivio saggi e commenti

Obbligo solidarietà e perdita di valori (Nota a sentenza Corte di giustizia UE, Grande Sezione, 6 settembre 2017, cause riunite C 643/15 e C 647/15, caso Repubblica slovacca e Ungheria c. Consiglio dell’Unione europea)

di Laura Rizza

 

Abstract: L’articolo analizza la sentenza della Corte di giustizia, grande sezione, del 6 settembre 2017, nelle cause riunite C- 643/15 e C- 647/15, caso Repubblica slovacca e Ungheria c. Consiglio dell’Unione europea. Oggetto della causa è il ricorso adito ex art. 263 TFUE dai Paesi del Visegrad per l’annullamento della decisione sulla ricollocazione di 120 000 migranti aventi evidente bisogno di protezione internazionale dall’Italia e dalla Grecia verso gli altri Stati membri dell’Unione. Dunque, si tratta delle misure temporanee adottate nel settore della protezione internazionale a beneficio della Repubblica ellenica e della Repubblica italiana per far fronte all’emergenza migratoria del 2015. La sentenza pone due questioni di particolare interesse: a) la definizione di atto non legislativo delle misure temporanee adottate ex art. 78, par. 3 TFUE; b) la definizione del principio di solidarietà come meramente funzionale al governo delle politiche europee di asilo. Dall’analisi della sentenza ne è derivata, quindi, una riflessione sullo stato di salute del principio di solidarietà in Europa.

Abstract: The article analyzes the judgment of the Court of Justice (Grand Chamber) of 6 September 2017 in the joined Cases C-643/15 and C-647/15, the case Slovak Republic and Hungary c. Council of the European Union. Object of the case are the claims of the Visegrad countries for the annulment of the decision (decision (EU) 2015/1601) of the transfer of 120.000 people in clear need of international protection from Italy and Greece to the other Member State of the Union. Therefore, the provisional measures in the field of international protection for the benefit of the Hellenic Republic and the Italian Republic to cope with the migratory emergency of 2015 are taken into consideration. The judgment raises two particular issues: a) the definition of non-legislative act of provisional measures pursuant to art. 78, par. 3 TFEU; b) the defining of the principle of solidarity as a functional resource for the menagement of European asylum policies. Therefore, a reflection has been originated from the analysis of the judgment on the state of health of the principle of solidarity in Europe.

Cerca nel sito

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
Please wait

Sito realizzato con il contributo della Fondazione "Carlo Maria Verardi"

© 2017-2018 Diritto, Immigrazione e Cittadinanza. Tutti i diritti riservati. ISSN 1972-4799
via delle Pandette 35, 50127 Firenze