>

Archivio saggi e commenti

Il caso Shalabayeva: un «crimine di lesa umanità». Commento della sentenza del Tribunale di Perugia (sent. 14 ottobre 2020, dep. 8 gennaio 2021, Pres. Narducci, est. Narducci, Avella, Albani)

di Giulia Vicini

 

Abstract: Con sentenza dell’8 gennaio 2021, il Tribunale di Perugia ha condannato gli ufficiali coinvolti nella consegna alle autorità kazake di Alma e Alua Shalabayeva, moglie e figlia del dissidente Mukhtar Ablyazov, per i reati di falso ideologico e sequestro di persona. La pronuncia, nonostante riguardi vicende risalenti a più di sette anni fa, stupisce per l’attualità dei principi che enuncia, rilevanti soprattutto con riguardo all’attuale gestione dei flussi migratori e al trattamento dei cittadini stranieri. Il presente contributo analizza gli elementi che rendono l’espulsione di Alma Shalabayeva e della figlia Alua assimilabile a un’operazione di «consegna straordinaria», seppure con delle peculiarità che la differenziano dalle operazioni che hanno visto coinvolti diversi Stati europei nella c.d. war on terror statunitense. Nell’analisi dei suddetti elementi, una particolare attenzione è dedicata ai principi affermati dal Tribunale con riferimento all’applicazione delle leggi in materia di immigrazione e delle disposizioni internazionali in materia di protezione dei diritti umani.

Abstract: On January 8 this year, the Tribunal of Perugia condemned the officers involved in the rendition to the Kazakh authorities of Alma and Alua Shalabayeva, wife and daughter of the political dissident Mukhtar Ablyazov. The officers were convicted of kidnapping and other criminal conducts consisting of false declarations. Despite the events under its scrutiny date back seven years, the Tribunal affirms a number of topical principles that are likely to extend their effects to the field of migration management and, more broadly, to the protection of migrants’ rights. This paper analyzes the elements that make the expulsion of Alma Shalabayeva and her daughter Alua amount to an «extraordinary rendition», albeit with some peculiarities that distinguish it from the operations that involved several European states in the so-called US war on terror. In the analysis of the elements above, particular attention is paid to the principles stated by the Tribunal with reference to the application of immigration legislations and international human rights provisions.

Cerca nel sito

Rubrica di Questione Giustizia & Diritto, Immigrazione e Cittadinanza

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
Please wait

Sito realizzato con il contributo della Fondazione "Carlo Maria Verardi"

© 2017-2021 Diritto, Immigrazione e Cittadinanza. Tutti i diritti riservati. ISSN 1972-4799
via delle Pandette 35, 50127 Firenze